CFC Legal

Ascoli Piceno, debito Inps: ecco come l’abbiamo annullato

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

debito inps

Eleonora è un’imprenditrice di Ascoli Piceno. È un debito Inps per contributi previdenziali a portarla da noi.

La sua storia è quella di una giovane piena di entusiasmo che, in provincia, apre un franchising legato ad una famosa multinazionale nel settore trasporti.

Una scelta “azzeccata” per qualche anno, che ha coinvolto tutta la famiglia. La mamma si occupa del centralino e, terminati gli studi, anche la sorella minore sarebbe entrata in azienda. Ma poi arriva la crisi del 2008 e, successivamente, il fallimento della multinazionale. E anche Eleonora deve chiudere.

Un dolore grandissimo per la giovane imprenditrice. Eleonora vedeva il suo futuro legato a quello della sua azienda.

Tutto finisce nelle mani del curatore fallimentare. Ma Eleonora vuole vederci chiaro e ha una giusta intuizione: verificare la sua posizione previdenziale dove scopre che qualcosa non va. Molti importi risultano non versati.

E, da lì a poco, iniziano ad arrivare le cartelle esattoriali per quel debito INPS. E le somme sono davvero elevatissime.

Arriva da noi dopo aver visto un annuncio su Facebook e la situazione è chiara già dalla 1a consulenza. “All’inizio ero scettica, ma per chi ha perso tutto è importante potersi fidare di qualcuno”, ci dice.

Insieme al Team di CFC Garanti dell’Imprenditore, Eleonora decide di fare ricorso. Dopo circa un anno, le comunichiamo la sentenza del Tribunale di Ascoli Piceno: debito INPS annullato per errori di notifica contenuti nelle cartelle inviate tramite PEC.

Fai come Eleonora: verifica la tua situazione e annulla il debito

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>

Naviga tra gli altri Casi Risolti:

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione