CFC Legal

Cartelle di Pagamento. Perché si annullano

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

cartelle di pagamento

Le cartelle di pagamento possono gettare nel panico, proprio come è successo ai soci di un’azienda di Trieste. Specializzata nella fornitura di ricambi per elettrodomestici, rappresenta un punto di riferimento per addetti ai lavori e amanti del fai da te. 

Questo per farti capire come, più spesso di quanto pensi, anche realtà solide e radicate sul territorio possano avere problemi con le cartelle di pagamento.

In oltre quarant’anni, la ditta non ha mai avuto a che fare con l’Agenzia delle Entrate Riscossione. Puoi quindi immaginare lo sconcerto generato da quelle cartelle di pagamento. Un debito enorme di cui i soci ignoravano l’esistenza e che avrebbe compromesso il futuro dell’azienda…

Che fare? Su consiglio del commercialista, decidono di aderire alla Rottamazione, almeno  per “prendere fiato”. Ma la scadenza per il pagamento della prima rata si avvicina e tutti quei soldi non ci sono

Il più giovane dei soci, molto attivo sui social, propone allora di richiedere una consulenza a CFC Garanti del Contribuente. Le recensioni sono positive e, non intravedendo altra via d’uscita, decidono all’unanimità di prendere un appuntamento. Lo scetticismo c’è, ma anche la speranza di risolvere come nei tanti casi raccolti sul sito…

Durante il primo incontro, da subito l’Avvocato Simone Forte scioglie ogni dubbio: le cartelle di pagamento non risultano notificate e, come è chiaro dall’estratto di ruolo, risalgono a 7 anni prima. Il ricorso si può fare (e le chance di vincere non mancano).

Come talvolta accade, i tempi della Giustizia si rivelano più lunghi del previsto, possono sembrare interminabili. Ma, anche per l’azienda di Trieste, finalmente la sentenza arriva: debito annullato al 100% per mancata notifica e intervenuta prescrizione.

A volte è più difficile rassegnarsi che reagire. Ma, avere il “coraggio di difendersi” può davvero fare la differenza e decretare la “sopravvivenza” di tante aziende, fatte di persone che lavorano e fanno girare l’economia.

 

Vuoi davvero risolvere con l’Agenzia delle Entrate Riscossione? Ora puoi, anche se stai già rateizzando! 

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>

Naviga tra gli altri Casi Risolti:

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione