Rottamazione Quater, le novità: online il servizio per la richiesta

articolo a cura di:
Elisa Bidoglia
Elisa Bidoglia

pubblicazione:

rottamazione quater richiesta online come fare

Rottamazione Quater, la richiesta online

Nell’area pubblica del sito internet dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione, i contribuenti possono presentare la richiesta di adesione alla Definizione agevolata. 

Ti ricordo che l’istanza deve essere trasmessa in via telematica entro il 30 aprile 2023

Rottamazione Quater, la richiesta: come presentarla

Sono previste due modalità alternative per presentare la domanda:

  • nell’area riservata, accedendo con le credenziali SPID, CIE e Carta Nazionale dei Servizi, senza la necessità, in questo caso, di allegare la documentazione di riconoscimento, indicando le cartelle/avvisi per i quali si intende beneficiare delle misure introdotte dalla Definizione agevolata;
  • nell’area pubblica, nella sezioneDefinizione agevolata”, compilando l’apposito form inserendo i numeri identificativi delle cartelle/avvisi che si vogliono includere nella domanda di adesione, specificando il numero delle rate – numero massimo di 18 rate (5 anni) consecutive -,in cui si intende suddividere l’importo dovuto e il domicilio al quale verrà inviata, entro il mese di giugno 2023, la comunicazione delle somme dovute. 

È, inoltre, necessario indicare un indirizzo e-mail al quale verrà inviata la ricevuta di presentazione della domanda ed è obbligatorio allegare la prevista documentazione di riconoscimento

È possibile inserire anche i singoli carichi, contenuti nella cartella/avviso per i quali si intende aderire alla Definizione agevolata. 

La convalida dopo la richiesta

Dopo aver confermato l’invio della richiesta il contribuente riceverà una prima e-mail all’indirizzo indicato, con un link da convalidare entro le successive 72 ore. Decorso tale termine, il link non sarà più valido e la richiesta sarà automaticamente annullata. 

A seguito della convalida della richiesta, il sistema invierà una seconda e-mail di presa in carico della domanda, con il numero identificativo della pratica e il riepilogo dei dati inseriti. 

Infine, se la documentazione allegata è corretta, verrà inviata una ulteriore e-mail con allegata la ricevuta di presentazione della domanda di adesione. 

Con le stesse modalità, il contribuente può presentare in tempi diversi, ma sempre entro il 30 aprile 2023, anche ulteriori dichiarazioni di adesione: se riferite ad altri carichi, saranno considerate “integrative” della precedente, mentre se riferite agli stessi carichi già inseriti nella domanda presentata, saranno considerate “sostitutive” della precedente. 

È possibile presentare la richiesta di adesione anche per i carichi già ricompresi in un piano di “Rottamazione-ter” indipendentemente se tale piano sia ancora in essere o sia decaduto per il mancato, tardivo o insufficiente versamento di una delle relative rate. 

Rottamazione Quater e richiesta online: dopo la presentazione della domanda

Dopo aver presentato la domanda di adesione la legge prevede che Agenzia delle Entrate-Riscossione invii al contribuente, entro il 30 giugno 2023, una “Comunicazione” di:

  •  accoglimento della domanda, contenente:

▪ l’ammontare complessivo delle somme dovute a titolo di Definizione agevolata (“Rottamazione-quater”);

▪ la scadenza dei pagamenti in base alla soluzione rateale indicata in fase di

presentazione della domanda di adesione;

▪ i moduli di pagamento precompilati;

▪ le informazioni per richiedere l’eventuale domiciliazione dei pagamenti sul proprio   conto corrente;

  • diniego (eventuale), con l’evidenza delle motivazioni per le quali non è stata accolta la richiesta di Definizione agevolata.

Ti ricordo che il “diniego di rottamazione” costituisce un atto che potrai impugnare dinanzi al giudice competente.

Non tutti i debiti però si possono rottamare

Rottamazione Quater e le ultime disposizioni, non sono  le uniche possibilità. Quest’anno le opportunità offerte sono molteplici e davvero vantaggiose per professionisti e imprenditori. È il momento di risolvere la tua situazione debitoria perché è oggi il momento in cui puoi ottenere davvero il massimo. Ricorda che la rottamazione quater è dedicata soprattutto  alle persone fisiche, perché le società hanno ulteriori soluzioni alternative che ti permettono di ridurre il debito fino all’80%, come la Transazione Fiscale.

In questo caso sono diversi i termini da verificare affinché sussistano le condizioni per procedere.

Affidandoti a un team esperto e competente come quello di CFC – Crisi Fiscale d’Impresa può aiutarti a risolvere i tuoi problemi col Fisco, arrivando persino ad annullare o riducendolo anche fino all’80%, pagando il restante in 4 o 5 anni successivi.

In CFC – Crisi Fiscale d’Impresa da oltre 20 anni aiutiamo gli imprenditori a Risolvere le proprie posizioni debitorie con l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), eliminando Inviti a comparire, Avvisi Bonari, Avvisi di Accertamento, Cartelle di Pagamento, Ipoteche e Pignoramenti per importi superiori a 100mila euro.

Grazie a un Difensore Patrimoniale puoi iniziare a risolvere il tuo debito con il Fisco, se maggiore di 100mila euro.

Contattaci per scoprire di più, ti richiameremo entro 1 ora.

Risolvi il tuo Debito Fiscale