Mediazione tributaria o contenzioso? Cosa scegliere in caso di ricevimento di un avviso di accertamento

articolo a cura di:
Lodovico Poschi
Lodovico Poschi

pubblicazione:

Mediazione tributaria o contenzioso Cosa scegliere in caso di ricevimento di un avviso di accertamento

Abbiamo ricevuto un avviso di accertamento superiore ai 100mila euro: meglio ricorrere al contenzioso o affidarsi alla mediazione tributaria?

Come abbiamo spiegato in un articolo precedente, il contenzioso risulta di gran lunga la strada più efficace per gestire un avviso di accertamento (cosa fare in caso di notifica).

Quali sono le alternative ? Esistono gli  istituti deflattivi cui si può ricorrere. In passato abbiamo parlato di adesione o acquiescenza, oggi puntiamo la nostra attenzione sulla mediazione tributaria.  

Anche la mediazione, come gli altri, è un istituto deflattivo che consiste in una fase amministrativa precedente all’instaurazione del giudizio in Commissione tributaria

Lo scopo della mediazione, obbligatoria in determinati casi previsti dalla legge, è trovare un accordo stragiudiziale tra l’Agenzia delle Entrate e l’imprenditore accertato, evitando così il giudizio. 

Quando la mediazione tributaria è obbligatoria 

La procedura della mediazione tributaria è obbligatoria per le cause con valore fino a 50.000 euro di maggiori imposte accertate.

L’intento del Legislatore è sin troppo evidente: l’attività giudiziaria è ingolfata e l’incentivazione di questo strumento genera meno liti con valori più contenuti. 

Tuttavia, bisogna fare attenzione al valore della lite così come individuato ai sensi dell’art. 12, co. 2, del D. lgs. 546/92. 

Infatti, in ambito tributario il valore della lite si calcola conteggiando le sole imposte.

Se, per un errore nel calcolo delle imposte, non si procede alla richiesta di mediazione, il ricorso risulterà improcedibile.

La conseguenza sarà il provvisorio “congelamento” del processo tributario avviato. 

La mediazione è, nella sostanza, un’istanza, che “anticipa” il ricorso, con cui il contribuente  chiede che sia la stessa Agenzia delle Entrate ad annullare, totalmente o parzialmente, l’atto sulla base delle medesime ragioni che verranno sottoposte al vaglio della Commissione tributaria. 

Abbiamo reali vantaggi con l’istituto della mediazione tributaria ? 

L’effetto più immediato della presentazione della mediazione è quello di sospendere per 90 giorni il termine per depositare il ricorso dinanzi alla Commissione tributaria provinciale competente. 

Una volta notificata l’istanza, l’ufficio ha, infatti, 90 giorni per rispondere.

L’effetto primario sta sicuramente nel guadagnare tempo bloccando la riscossione e dunque ritardando il pagamento di quanto dovuto. La mediazione, infatti, ha un effetto sospensivo automatico della riscossione. 

Successivamente si potrà beneficiare di una riduzione delle sanzioni, nella misura del 35% del minimo edittale (cioè l’importo più basso nella scala da un minimo a un massimo previsto per quella sanzione).

Facciamo un esempio di adesione alla proposta di mediazione. 

In caso di avviso di accertamento con imposta di 50mila euro e sanzioni pari a 15mila, senza abbattimento dell’imposta si dovranno versare 55.250 euro.

La procedura di mediazione ha un termine di 90 giorni trascorsi i quali il contribuente dovrà procedere con la costituzione in giudizio. 

Se, ad esempio, l’avviso di accertamento viene notificato il 13 gennaio sarà possibile proporre la mediazione entro i 60 giorni dalla notifica (cioè entro il 14 marzo).

In questo caso, quindi, i termini per la costituzione in giudizio cominceranno a decorrere dopo 90 giorni e cioè dal 12 giugno. 

In conclusione.

Poiché stiamo parlando di un istituto obbligatorio per imposte accertate fino a 50mila euro, non si può non vedere con favore i benefici che vengono concessi a chi ne usufruisce.

Primo fra tutti la sospensione della riscossione per un periodo di 90 giorni.

Mai rinunciare alla possibilità del contenzioso, la strada migliore per ottenere il massimo 

Attenzione però a due aspetti.

Primo: è buona regola calcolare correttamente il valore dell’avviso di accertamento.

In caso di errore sul valore del ricorso, infatti, la mancata presentazione dell’istanza di mediazione renderà improcedibile il ricorso stesso. 

Secondo: raramente accade che l’Agenzia delle Entrate si convinca di aver sbagliato e si renda disponibile a valutare la riduzione del debito dell’imposta, o addirittura a rivedere le proprie riprese a tassazione.

Per questo, e soprattutto sulla base delle contestazioni mosse dall’ufficio, è sempre utile fare analizzare a un professionista specializzato l’avviso di accertamento, per provare la strada del contenzioso e ottenere il massimo dei risultati.

Gestisci e Risolvi con il Fisco

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione