Emergenza cartelle esattoriali, il 60% non è stato saldato entro il 31 dicembre

articolo a cura di:
Lodovico Poschi
Lodovico Poschi

pubblicazione:

emergenza cartelle esattoriali 31 dicembre

È emergenza sul fronte riscossione per le cartelle esattoriali non saldate al 31 dicembre 2021. Lo anticipa ItaliaOggi secondo cui il 60% delle cartelle in scadenza al 31 dicembre 2021 non è stato pagato.

Non sei solo e non devi sentirti tale se non sei riuscito a saldare il tuo debito con il Fisco. In pratica, parallelamente immagina che 6 imprenditori su 10 si trovano in gravi difficoltà e nonostante tutto rischiano seriamente il recupero forzato della somma iscritta a ruolo attraverso intimazione di pagamento, pignoramento conto corrente o iscrizione ipotecaria.

Se sei un imprenditore e sei titolare di un debito superiore a 100 mila euro stai rischiando le azioni esecutive. Il consiglio è di non temporeggiare e accedere subito a questo video gratuito che ti spiega come intervenire per gestire e risolvere il debito.

18 miliardi di euro da recuperare: l’accelerata del Fisco

Che la fase di riscossione sia ormai ripartita a pieno regime lo abbiamo sottolineato più volte.

L’obiettivo del Fisco è tornare ai livelli del 2019 quando il recupero evasione segnò per l’amministrazione guidata da Ernesto Maria Ruffini, 17,73 miliardi di euro a fronte dei 14,2 miliardi di euro pianificati.

Per il 2022 si punta ad arrivare alla cifra di ben 18 miliardi.

Ma questo non farà che acuire l’emergenza sulle cartelle esattoriali non saldate al 31 dicembre. Ora più che mai un imprenditore che non ha pagato entro il 31 dicembre 2021 si trova in un grave rischio di recupero forzato.

Proprio questo video, il Dott. Carlo carmine e l’Avv. Simone Forte fanno il punto della situazione in questo avvio di 2022 e raccontano un caso di un caso di pignoramento notificato dopo solo 1 giorno dalla scadenza dei 5 legati all’intimazione!

Cartelle esattoriali in scadenza, come fare per evitare il recupero forzato

È più che comprensibile lo shock di qualsiasi imprenditore nel ricevere una cartella di pagamento superiore a 100 mila euro. 

È un momento delicato per molti, a causa della carenza di liquidità dopo due anni di pandemia. Ma la cosa importante è prendere il gioco in mano e non lasciarsi sopraffare dagli eventi.

Nelle cartelle esattoriali si possono nascondere innumerevoli vizi di merito o di forma che con l’aiuto di un professionista esperto in diritto tributario puoi far valere in sede di ricorso per ottenere anche l’annullamento.

Non rinviare una decisione che potrebbe costarti molto caro.

Gestisci e Risolvi il tuo Debito Fiscale