Cartelle notificate non pagate e non rateizzate, come può agire il Fisco?

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

cartelle notificate, ex equitalia, agenzia entrate riscossione, debiti fiscali, cartelle esattoriali, annullamento cartelle,Cash Flow Tax

Cartelle notificate non pagate e non rateizzate, come può agire il Fisco?

Dal 1° Settembre è ripartita l’attività di Riscossione e sono tantissime le domande che gli imprenditori stanno ponendo ai legali del team CFC Garanti dell’Imprenditore. Eccone alcune:

Risponderemo a tutte le domande considerando che, ad oggi, è ufficiale la ripartenza della notifica di atti e cartelle fiscali. Dopo oltre 18 mesi di stop, quindi, nessuna proroga potrà “salvare” i milioni di contribuenti che hanno in sospeso vertenze fiscali.

Dopo la lunga tregua, quindi, il Fisco riavvia i motori e si prepara alla notifica di oltre 4 milioni di atti entro il Dicembre 2021. Dati presunti e associati direttamente a Ernesto Maria Ruffini, direttore di Agenzia delle Entrate e presidente di ex Equitalia. Altre fonti, invece, parlano di un magazzino di oltre 60 milioni di atti in attesa di notifica. Numeri impressionanti, sia nel primo sia nel secondo caso che chiamano ogni imprenditore con una posizione debitoria superiore a 100 mila euro a intervenire quanto prima, previo incorrere in intimazioni di pagamento, pignoramenti o ipoteche. 

Cerchiamo ora di rispondere a una delle principali domande poste dai contribuenti.

Cartelle notificate prima del 2020, non pagate e non rateizzate, come può agire il Fisco? 

Dal 1° Settembre potrai ricevere direttamente un’intimazione di pagamento. Il Fisco infatti può agire direttamente con il recupero coattivo delle somme, considerato il termine, ormai spirato del 31 Agosto 2021

Inoltre, ricevuta l’intimazione di pagamento, se non pagati gli importi entro 5 giorni, l’Agenzia delle Entrate Riscossione potrà notificare direttamente l’atto di pignoramento. Quindi, un imprenditore come può tutelarsi  se non riesce a rispettare le scadenze?

Chi vuole gestire la propria posizione, difendersi e tutelarsi, ha ancora la possibilità di far verificare il proprio debito. Riparte la Riscossione e devi iniziare a studiare una difesa adeguata.

Affidandosi a esperti e professionisti del settore e attraverso un’analisi approfondita della propria situazione debitoria e dell’estratto di ruolo è possibile trovare una soluzione concreta!

Rivolgiti al nostro team per risolvere con il Fisco. Clicca qui, compila il form e ti chiameremo in 60 minuti!

Infine, abbiamo fissato un Business Webinar Gratuito nel quale spiegheremo nei dettagli come difendersi e, soprattutto, gestire il debito fiscale alla luce della Ripresa della Riscossione. Clicca qui per registrarti e porre la tua domanda ai relatori: ti risponderanno in anonimato e in diretta. 

Gestisci e Risolvi con Il Fisco una volta per tutte

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione