Cartelle esattoriali, 90 giorni in più agli imprenditori per i versamenti

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

versamenti cartelle esattoriali

Cartelle esattoriali, 90 giorni in più per i versamenti

Sono 150 giorni al posto degli ordinari 60 i giorni riconosciuti al contribuente per pagare le cartelle esattoriali ricevute nel periodo dal 1° settembre al 31 dicembre 2021. 

Questa, tra le misure introdotte dal nuovo Decreto Fiscale è tra quelle che stupisce di più il contribuente. 

Leggendo infatti attentamente, balza subito all’occhio dell’esperto che il differimento (da 60 a 150 giorni) vale solo  ai fini della decorrenza degli interessi di mora e dell’avvio delle procedure di pignoramento, ma non ai fini della proposizione del ricorso. 

Infatti, per contestare la cartelle di pagamento resta fermo per il contribuente il termine di legge di 60 giorni che decorrono dalla data di notifica. 

Per cambiare tale disposizione il Governo sarebbe dovuto intervenire necessariamente e direttamente sul Codice del Processo tributario. 

Cartelle esattoriali notificate dal 1° settembre al 31 Dicembre 2021, arriva la proroga: 150 giorni per pagare

Nella nota del governo del 15 Ottobre scorso si dichiara: 

Viene prolungato a 150 giorni dalla notifica, in luogo di 60, il termine per l’adempimento spontaneo delle cartelle di pagamento notificate dal primo settembre al 31 dicembre 2021 – Fino allo scadere del termine dei 150 giorni non saranno dovuti interessi di mora e l’agente della riscossione non potrà agire per il recupero del debito”.

Sostanzialmente, i contribuenti avranno cinque mesi di tempo per provvedere al pagamento e solo 2 per decidere se contestare o meno le somme richieste. 

A ciò si aggiunga che, come di consueto, chi ha già pagato alla data di entrata in vigore del decreto non potrà chiedere alcun rimborso, trattandosi di somme comunque dovute.

Si segnala che l’aggiunta di termini non opera per le ingiunzioni fiscali di pagamento degli enti territoriali (essenzialmente, comuni e regioni). Per queste la scadenza di pagamento rimane fissata a 60 giorni dalla ricezione dell’ingiunzione.

Come può un imprenditore liberarsi dalle cartelle esattoriali?

Con cartelle scadute, meglio non ricevere alcun avviso, perché una volta arrivato alla tua porta potrebbe essere troppo tardi. Ora hai la possibilità di scaricare l’estratto del Libro Bestseller Amazon “Liberati da Ex Equitalia” sulle Cartelle Esattoriali (e come gestirle). Clicca qui

Verifica la tua posizione fiscale e risolvi con il Fisco. Anche se si ha più tempo per pagare, hai solo 60 giorni per verificare.

Sei anche tu un imprenditore a rischio? Verifica la tua posizione fiscale con uno dei nostri professionisti e risolvi. Clicca qui ti richiameremo in 1 ora.

Verifica ora il tuo debito e liberati del Fisco