Avviso bonario, tutti i segreti su come rispondere

articolo a cura di:
Lodovico Poschi
Lodovico Poschi

pubblicazione:

CFC Legal - come rispondere ad un avviso bonario

Avviso bonario, tutti i segreti su come rispondere.

Sei un imprenditore e hai un debito col Fisco superiore ai 100 mila euro e non sai cosa fare per risolverlo? Pensi che l’unica via di uscita sia pagare quanto ti viene richiesto senza difenderti?

In realtà, qualunque atto ricevi da Agenzia delle Entrate è impugnabile. 

Ma qui sta il punto. Per avere chance di successo nella fase di contenzioso è necessario che l’opposizione sia inattaccabile sotto l’aspetto tecnico e giuridico. Solo in questo caso avrai gli strumenti giusti per conoscere in modo chiaro, e con l’aiuto di uno specialista, come gestire l’avviso di accertamento.

Ti occorre quindi l’occhio clinico di un professionista esperto che possa aiutarti a valutare la tua posizione debitoria.

Avviso bonario, cos’è e cosa contiene.

Una delle possibilità che si possono verificare a seguito di un accertamento da parte del Fisco è l’invio di un avviso bonario.

In questo caso l’Agenzia delle Entrate comunica al contribuente la presenza di errori di compilazione della dichiarazione o di eventuali irregolarità nell’esecuzione dei versamenti. 

L’invio dell’avviso bonario crea un rapporto diretto tra Fisco e contribuente, che può in questo modo sanare la sua posizione ed evitare  permettendo di sanare eventuali inutili iscrizioni a ruolo e le connesse cartelle esattoriali. 

Le cifre in ballo sono consistenti. Oltre alla maggiore imposta dovuta, c’è la sanzione per i ritardati od omessi versamenti (pari al 30% dell’imposta richiesta) più gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo.

Cosa fare quando ricevo dal Fisco un avviso bonario?

Cosa devo rispondere ad Agenzia delle Entrate quando ricevo un avviso bonario? Di fatto ho tre possibilità.

Pagare quanto richiesto con uno “sconto” immediato sulle sanzioni, chiedere all’Ufficio di annullare, in autotutela, l’avviso bonario in quanto “errato” o non fare nulla, sapendo però che il Fisco mi notificherà provvederà all’iscrizione a ruolo del debito inviando una cartella esattoriale con le sanzioni in misura piena.

Fai attenzione, però. Spesso e volentieri, è proprio l’Amministrazione finanziaria a commettere errori che se rilevati possono sempre essere oggetto di contestazione e poi anche in un eventuale contenzioso. 

Attenzione ai vizi, possono portare all’annullamento dell’atto.

Attenzione poi ai vizi.  Il mancato invio dell’avviso bonario o un invio che non rispetti le procedure di notifica previste dalla legge costituisce un vizio che può essere fatto valere al momento della notifica della futura cartella esattoriale e portare alla nullità della pretesa impositiva del Fisco. 

Bene, siamo certi di averti convinto su almeno un punto.

La partita col Fisco finisce quando l’avrai giocata sino in fondo.

Ma va giocata, sempre. Arrendersi e pagare non è mai la scelta migliore e sai perché? Anche il Fisco commette errori e tu devi essere pronto a intercettarli e mettere in campo la strategia difensiva.

Quando hai un debito fiscale non puoi aspettare!

Gestisci e Risolvi con Agenzia delle Entrate