Acquiescenza o adesione per gestire un avviso di accertamento. Ma perché rinunciare alla propria difesa?

articolo a cura di:
Lodovico Poschi
Lodovico Poschi

pubblicazione:

Acquiescenza o adesione perché rinunciare alla propria difesa

Acquiescenza o adesione? Sono, queste, due modalità molto diverse a disposizione del contribuente per gestire un avviso di accertamento notificato da Agenzia delle Entrate. Vediamo cosa cambia se scelgo una o l’altra strada

Accertamento con adesione, quando la partita è tutta da giocare 

In CFC – Crisi Fiscale d’Impresa non diamo mai nulla per scontato con il Fisco. Ogni contestazione può essere smontata pezzo per pezzo e la via del contenzioso, quando se ne riscontrano i presupposti, è sempre la migliore. 

Mai fidarsi di chi ti dice “paga così ti levi il problema…”. Prima di farlo vai a fondo di quel problema facendoti aiutare da un professionista specializzato e con esperienza sul campo (clicca qui). 

Premesso questo, sappiamo che il contraddittorio si può instaurare su impulso dell’ufficio attraverso l’invito a comparire, una grande opportunità introdotta di recente. Ma può essere anche il contribuente, che con un’istanza potrà avviare il procedimento di adesione (art. 5 D. lgs. 218/97). 

Attraverso di essa è possibile contestare le richieste dell’ufficio e sperare in uno sconto, oltre che sulle sanzioni, anche sulla parte del capitale ripreso a tassazione.

Con l’adesione 90 giorni in più per impugnare l’avviso di accertamento 

Innanzitutto, presentando un’istanza di accertamento con adesione si ottiene una sospensione di 90 giorni del termine canonico (60 giorni) per impugnare l’avviso di accertamento

Quindi avrai a disposizione 150 giorni per valutare se chiudere un accordo con il Fisco o intraprendere la strada del contenzioso.

Come detto, oltre a permettere al contribuente di contestare le osservazioni dell’ufficio all’interno dell’avviso di accertamento e quindi eventualmente di diminuire l’importo richiesto nei suoi confronti come tributo, possiamo in ogni caso beneficiare di una riduzione delle sanzioni amministrative, che saranno dovute nella misura di 1⁄3 del minimo previsto dalla legge

Facciamo un caso pratico. Nel caso in cui l’ammontare delle sole sanzioni sia pari a 100.000 euro, se il contribuente decide di “aderire” e chiudere l’accertamento mediante il procedimento di adesione, le sanzioni da corrispondere scenderà a 33.000.

Attenzione però: se il contribuente non onora i pagamenti alle scadenze pattuite, automaticamente decade dall’adesione, e quindi da ogni connesso beneficio

Acquiescenza o adesione: ma perché rinunciare alla propria difesa? 

Con l’acquiescenza il contribuente decide invece di rinunciare a impugnare l’avviso di accertamento ricevuto e di non formulare neppure istanza di accertamento con adesione, così come stabilito dall’art. 15 D. lgs. 218/1997. 

L’acquiescenza si sostanzia in pratica qualora l’imprenditore accertato decida di versare gli importi indicati nell’avviso entro il termine previsto dalla legge, rinunciando alla presentazione sia del ricorso sia dell’istanza di accertamento con adesione.

Così facendo il contribuente evidenzia la sua volontà di non voler contestare le pretese dell’ufficio.  Ma con quali vantaggi?

Com’è facile intuire, prestando acquiescenza in pratica stai dando ragione all’ufficio

È vero, da un lato, che con l’acquiescenza le sanzioni irrogate con gli avvisi di accertamento o di liquidazione non impugnati sono ridotte a 1⁄3 (sempre che il contribuente effettui il versamento della prima rata, o del suo totale, entro il termine previsto dalla legge).

Dall’altro, però, è come rinunciare alla difesa su ogni fronte, ponendosi così in una situazione ancora più passiva rispetto all’accertamento con adesione dove, invece, puoi contestare le richieste dell’ufficio e sperare in uno sconto, oltre che sulle sanzioni, anche sulla sorte capitale, senza, però, mai rinunciare alla via del contenzioso

In sostanza, è quasi sempre sconsigliabile ricorrere all’acquiescenza perché rinunciare a difendersi non è quasi mai la scelta giusta. 

Un professionista con l’adeguata esperienza, grazie a una valida strategia difensiva, riesce ad avere risultati migliori della semplice acquiescenza. Ecco perché il nostro consiglio è quello di cliccare qui, riempire il form e farti ricontattare entro un’ora da un nostro professionista specializzato. 

Gestisci e Risolvi con il Fisco

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione