Accertamento sulla piccola Srl? Anche il patrimonio del socio è a rischio

articolo a cura di:
Guglielmo Giuseppe Di Giovanni
Guglielmo Giuseppe Di Giovanni

pubblicazione:

accertamento sul reddito

Mai sottovalutare l’accertamento sul reddito da parte del Fisco.

Sei socio di una SRL  di piccole dimensioni, cioè con un numero limitato di soci (tre/quattro) legati tra loro da un vincolo di parentela e/o affinità?

Allora ti consiglio di stare molto attento ai controlli che dovessero riguardare la tua società, in quanto potrebbero avere effetti dirompenti anche – e soprattutto – sul tuo patrimonio personale.

Attenzione all’accertamento sul reddito di una società di capitali

Cosa accade ogni volta che l’Agenzia delle entrate accerta un reddito presuntivamente evaso da una società di capitali (es. una S.r.l.) di proprietà di pochi soggetti (c.d. srl a ristretta base partecipativa)?

Che è legittimata a presumere che i maggiori ricavi “in nero” siano stati occultamente ripartiti tra i soci “pro quota”.

In altri termini, all’avviso di accertamento emesso in capo alla società, seguiranno tanti accertamenti quanti sono i soci coinvolti.

Si tratta di una prassi molto utilizzata dal Fisco e, purtroppo, da anni avallata dalla Corte di Cassazione (vedasi, Cassazione n. 29231/2008) che obbliga, di fatto, il contribuente a doversi difendere su due livelli: quello societario e quello personale.

Una via d’uscita c’è sempre, non sottovalutare i particolari può fare la differenza 

Attenzione però: c’è sempre una via d’uscita.

Infatti, la Suprema Corte ammette che tale “presunzione di distribuzione di utili occulti” possa essere vinta e superata in diverse situazioni, che, però, solo un professionista del settore potrà aiutarti a individuare.

Ti faccio un esempio.

Ammettendo, per assurdo, che ci sia stata evasione da parte della società, il socio potrà uscirne indenne.

Come? dimostrando che tali “utili occulti” non sono stati da lui intascati, per essere, al contrario, reinvestiti o accantonati dalla società (vedasi, Cassazione n. 32959/2018).

Ciò consentirà di annullare totalmente l’avviso di accertamento (approfondisci qui)  emesso in capo alla persona fisica.

Ti consiglio, quindi, di non sottovalutare nulla, in quanto una cattiva difesa impostata sull’avviso di accertamento “societario” avrà, sicuramente, una negativa ripercussione sulla tua posizione personale.

Per un imprenditore o un professionista, è importante conoscerle e sapere che è possibile annullare l’avviso di accertamento in un caso su due.

Se tutto questo ti sembra complicato, nell’ultimo libro scritto dal founder di CFC Crisi Fiscale d’Impresa Carlo Carmine insieme all’avvocato Simone Forte dal titolo “Gestisci e Risolvi con Agenzia delle Entrate” troverai una serie di casi concreti, tratti dalla realtà quotidiana dei controlli del Fisco. 

Ti renderai conto che esiste quasi sempre una soluzione per combattere le contestazioni del Fisco.

Bisogna solo trovarla e perseverare, con l’aiuto, ovviamente, di un bravo professionista.

Chiamaci, ti faremo contattare da un nostro Difensore Patrimoniale entro 1 ora.

Risolvi il tuo Debito con il Fisco

Riduci dell’80% il debito fiscale

Novità Luglio 2022

Grazie al Nuovo Codice della Crisi puoi risolvere il debito maggiore di 500mila euro e pagare il restante 20% nell’arco di 4 o 5 anni

Gestiamo anche inviti a comparire, avvisi di accertamento, cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento maggiori di 100mila euro, riducendone l’importo fino ad eliminarlo al 100%

Accedi Ora Alla Tua Migliore Soluzione